Esta web utiliza cookies de terceros para ofrecerte una mejor experiencia y servicio. Al navegar o utilizar nuestros servicios, aceptas el uso que hacemos de ellas. Puedes cambiar la configuración de cookies en cualquier momento. Más información Aceptar
06-02-2017

La mutilazione genitale femminile

Come ogni anno, il 6 febbraio è il giorno della lotta contro la mutilazione genitale femminile, che è una vera barbarie volta non solo a imporre il dolore attroce e togliere il piacere della vita sessuale, ma è sopratutto il modo per sottomettere le donne alla parte superiore dell'umanità, che sono gli uomini maschi. Si tratta della secolare vittoria del sadismo religioso e sociale, in cui le stesse vittime - le donne - collaborano.

La mia Chiesa cattolica solo l'anno scorso ha espresso un pensiero negativo circa la mutilazione genitale femminile (Amoris laetitia, 54), ma non ci siamo mai preoccupati di educare i credenti al rifiuto di simili violenze, che toccano l'umanità. Preferiamo sottacerle, mentre esse toccano a ciascuno di noi. Nella misura in cui una religione non condanna con sufficiente forza e non insegna ai suoi seguaci di rifiutare efficacemente qualsiasi oppressione, essa stessa si pone da parte dell'oppressore. In ogni donna violentata nella mutilazione genitale è la nostra umanità che viene mutilata e - paradossalmente - al contempo ridotta ai genitali. Dominando quei genitali si domina lei stessa - la persona della donna - ridotta a null'altro che una "cosa" riproduttiva. Lei deve solo servire all'uomo affinché lui possa riprodurre e dominare l'umanità. Tutto è sancito, giustificato e gestito dalla religione e da una cultura religiosa, che si riserva il diritto a dominarci attraverso la sessualità.

La barbarie religiosa della circoncisione maschile ha in fondo lo stesso scopo disumano di permettere alla religione di dominare il sesso. La circoncisione è il sigillo di questo dominio. Ma la schiavistica umiliazione delle donne obbligate alla circoncisione è qualcosa di così attroce che grida le vendetta a Dio. Senza la ripresa della dignità delle donne, non ricupereremmo mai la dignitià della nostra sessualità, schiavizzata e usata dalla religione e dalle culture e società partriarcali formate dalle relgioni. Non riprenderemo la dignità della nostra integrità, voluta da Dio e odiata da varie religioni.

Ascolta oggi il grido della donna, il grido dell'umanità...